Almanacco della donna italiana

Almanacco della donna italiana. [Rivista]

Abstract

L’“Almanacco della donna italiana”, nasce a Firenze nel 1920 per iniziativa dell’editore Bemporad viene pubblicato fino al 1943. Lo dirigono Silvia Bemporad, fino al 1936, poi Gabriella Aruch Scaravaglio dal 1936 al 1938. Nel 1938 a seguito delle leggi razziali la casa editrice diviene Marzocco e affida la direzione a Margherita Cattaneo. Destinato ad un pubblico di lettrici borghesi e donne emancipate, le diverse annate trattano, per la prima fase, temi politici e sociali relativi alle aspirazioni professionali e culturali delle donne con rassegne dedicate ai loro movimenti. Attenzione viene inoltre riservata a temi di carattere artistico e letterario. Nel biennio 1936-38 la nuova direzione introduce modifiche nel formato, nella grafica e nell’impaginazione adeguandole allo stile littorio. Allineata alle posizioni ufficiali del regime, la rivista mantiene tuttavia una certa autonomia relativamente ai temi letterari e alla questione femminile. Il terzo e ultimo periodo è caratterizzato da una struttura editoriale più agile. Diminuisce lo spazio dedicato alle questioni politiche, mentre sempre più ampio diviene quello dedicato a temi e collaborazioni letterarie.

Tipologia del documento:Rivista
Titolo:Almanacco della donna italiana
Editore:Bemporad
Luogo di pubblicazione:Firenze
Codice identificativo (ID):270
URL collegate:
URLTipo di URL
http://www.bibliotecadigitaledelledonne.it/view/riviste/Almanacco_della_donna_italiana.htmlAccesso ai fascicoli
http://acnp.unibo.it/cgi-ser/start/it/cnr/df-p.tcl?catno=34217&libr=&person=false&B=2&proposto=NO&year_poss_from=&year_poss_to=Scheda descrittiva sul catalogo
Ultima modifica:22 Giu 2015 09:41

Riservato allo Staff dell'Archivio: Accedi al record del documento